Visite: 154

L’idea di potenziare l’apprendimento delle lingue straniere è sentita come un’esigenza fondamentale per arricchire l’offerta formativa della nostra scuola in tutti e tre i suoi ordini: scuola dell’infanzia, scuola primaria e scuola secondaria di primo grado.

Già da tempo vengono proposte ai nostri alunni attività significative di potenziamento linguistico che hanno ricevuto un alto grado di apprezzamento sia da parte dei bambini e dei ragazzi che da parte dei genitori. Infatti, è diffusa la consapevolezza che la conoscenza di più lingue sia ormai un elemento irrinunciabile e fondamentale per le sfide future che i nostri giovani alunni dovranno affrontare nel mondo dello studio e del lavoro.

Tuttavia, le iniziative fin qui realizzate risultano non sufficienti a fornire competenze adeguate al termine dell’esperienza scolastica nell’Istituto Comprensivo. Gli insegnamenti linguistici mostrano nel complesso alcune criticità: nella scuola dell’infanzia si realizzano laboratori che restano talvolta semplici occasioni di primo approccio alla lingua inglese; nella scuola primaria l’unica lingua straniera insegnata è l’inglese sulla base di una formazione degli insegnanti che andrebbe rinforzata sia dal punto di vista linguistico che metodologico; nella scuola secondaria di I grado, benché siano state ampliate le attività con l’introduzione di una seconda lingua comunitaria, permangono delle difficoltà nell’apprendimento e la competenza raggiunta dovrebbe essere più efficiente.

Di fatto possiamo affermare che possedere oggi pochi strumenti comunicativi – limitati soprattutto a quelli della prima lingua – rappresenta un fattore di esclusione dalle opportunità che offre un mondo in cui crescono gli scambi socioculturali, la mobilità del mercato del lavoro e, più in generale, le esigenze di comunità globalizzate e tecnologicamente sempre più connesse.

 

Di fronte a questa situazione, si rivela urgente la necessità di lanciare un modello di educazione linguistica integrata, aggiornato alla luce dei nuovi scenari formativi imposti da una società in rapida trasformazione. Le parole-chiave sono due: plurilinguismo e interculturalità.

  

Per leggere interamente il progetto clicca qui

Torna all'inizio del contenuto